facebook_pixel

Qualità della vita in Sicilia, Siracusa fanalino di coda

Qualità della vita in Sicilia, Siracusa fanalino di coda

Qualità della vita in Sicilia, Siracusa fanalino di coda

Se c’è chi sostiene che la Sicilia è la regione dove si vive meglio – complici bellezze naturali, mare, sole, montagna e buon cibo – non pare essere dello stesso parere la classifica ufficiale pubblicata nelle scorse settimane dal quotidiano Italia Oggi in collaborazione con l'Università La sapienza di Roma, che colloca Ragusa – al primo posto tra le province siciliane -  all'ottantaquattresimo posto nella classifica nazionale e Siracusa – ultima nell’isola – penultima in Italia.

Dati che abbiamo deciso di commentare insieme ai cittadini siciliani, a cominciare proprio dall’ultima classificata, Siracusa per l’appunto. “Non si può misurare la vivibilità su dati oggettivi – commenta il ventottenne siracusano Luca Castello, impiegato e specializzando in Culture moderne comparate - come non si può misurare il benessere partendo dal Pil”. Dopo aver vissuto tra Bologna, Torino e Catania oggi Luca si è stabilito di nuovo nella sua città, che tra tutte reputa “quella dove si vive meglio”.

Ecco perché non si pente della sua scelta, anche se, dice, “il territorio soffre una politica industriale distruttiva e miope e nel triangolo Melilli-Augusta-Priolo insiste una delle aree industriali più inquinanti d'Europa. L'incidenza di tumori – aggiunge - è incredibilmente più alta che nel resto d'Italia”.

Nonostante ciò, però, “esiste una rete di relazioni e rapporti umani capace in qualche modo di mitigare il disagio” – dice lo studente-lavoratore, che sottolinea come a Siracusa “non ci sono parchi urbani, ma è la provincia con il più alto numero di riserve naturali e siti patrimonio dell'Unesco, e anche se i trasporti sono inefficienti è un territorio dove non esistono distanze che non si possano coprire con mezzi alternativi”.

Bisogna inoltre vincere il preconcetto che l'offerta culturale e paesaggistica non crei occupazione, considerando che proprio Siracusa “è tra le province che negli ultimi anni ha registrato il più grande incremento di presenze turistiche”.

“Come si misura la qualità del tempo libero? Come si possono misurare gli amici, le serate passate a suonare in giro, le passeggiate?” – si chiede il ragazzo. “Questa classifica – conclude - può servire a evidenziare dei dati, ma per me Siracusa resta sul gradino più alto del podio”.

 

giorgia lodato

Articoli simili

1 Commenti

Lascia una risposta

Chiusi
Chiusi

Inserisci il tuo username o il tuo indirizzo email. Riceverai via email un link per creare una nuova password.

Chiusi

Chiusi